4/3/2020 | 5 MINUTI DI LETTURA

Anche Amadeus si unisce alla lotta contro il Coronavirus: lo spot ufficiale Rai con i consigli per non contagiarsi

  • Il conduttore dell’ultimo Sanremo è il volto della campagna Rai
  • Spiega come starnutire e altre semplici regole in una clip: eccola

Alla lotta contro il Coronavirus si è unito nelle ultime ore anche Amadeus. Il popolare conduttore Rai, reduce dall’enorme successo dell’ultimo Festival di Sanremo, è infatti il volto e la voce dello spot ufficiale realizzato dalla tv di Stato per il Ministero della Salute e che ha come obiettivo la sensibilizzazione e l’informazione verso quelle pratiche che servono ad arginare e minimizzare le possibilità di essere contagiati dal virus. Nella clip (pubblicata anche in questa pagina) Amadeus spiega: “Tutti noi ci stiamo informando su quello che riguarda il coronavirus. Insieme ci sono delle regole fondamentali che dobbiamo osservare, come per esempio lavarsi spesso le mani, è importantissimo”.

Amadeus, 57 anni, presta volto e voce allo spot per informare sulle pratiche anti contagio relative al Coronavirus
Amadeus, 57 anni, presta volto e voce allo spot per informare sulle pratiche anti contagio relative al Coronavirus

Poi aggiunge: “Non tocchiamoci mai gli occhi, il naso e la bocca con le mani. Se dobbiamo starnutire e non abbiamo un fazzoletto monouso, facciamolo sulla piega del gomito. Disinfettiamo le superfici con prodotti a base di cloro e alcol. E altri semplici regole che trovate sul sito del Ministero”. “Aiutiamoci l’un con l’altro e insieme ce la faremo”, conclude il 57enne.

VIDEO
Importante non starnutire o tossire verso gli altri, ma neanche farlo sulle proprie mani (poi veicolo del virus). Va fatto nella piega del gomito, come mostra Amadeus nella clip
Importante non starnutire o tossire verso gli altri, ma neanche farlo sulle proprie mani (poi veicolo del virus). Va fatto nella piega del gomito, come mostra Amadeus nella clip

Ci sono poi altri consigli che sono stati diffusi nelle ultime ore, con l’aumento del numero di contagi. Intanto è utile portare al minimo i contatti sociali, quindi evitare di recarsi in luoghi in cui ci sono molte persone, soprattutto se al chiuso. Mai salutarsi con una stretta di mano né tantomeno con baci sulla guancia. Gli anziani dovrebbero rimanere a casa (ma anche i giovani, se non hanno necessità urgente di uscire). Per qualche tempo bisognerà fare dei piccoli sacrifici e cambiare alcuni comportamenti, ma ne potremo vedere presto i frutti. No a palestre, cinema, teatri, ristoranti, bar e pub. Teniamo distanze di sicurezze al supermercato e nella fila per pagare alla cassa (almeno 1 metro davanti e dietro, meglio se 2).

Altre regole ufficiali del Ministero della Salute per minimizzare il rischio contagio da Coronavirus
Altre regole ufficiali del Ministero della Salute per minimizzare il rischio contagio da Coronavirus

Infine, importantissimo, se abbiamo sintomi simil-influenzali, come febbre, tosse, mal di gola, raffreddore o difficoltà a respirare, non usciamo di casa e proteggiamo anche i nostri familiari che vivono con noi. Assolutamente vietato in questo caso recarsi al pronto soccorso. Bisogna invece chiamare il medico di base (ma non andare nel suo studio). Oppure il numero 1500 o numeri verdi messi a disposizione dalle regioni (qui l’elenco completo regione per regione).

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!