3/5/2013 | 3 MINUTI DI LETTURA

E' morto Massimo Catalano

E' morto Massimo Catalano, protagonista di 'Quelli della notte'
Se n'è andato dopo una lunga malattia. Massimo Catalano ha salutato il mondo nella sua villa ad Amelia, in Umbria. Apprezzato jazzista, tutti avevano imparato a conoscerlo e amarlo con "Quelli della notte", quando faceva ridere a crepapelle con le sue irresstibili perle di saggezza come: "E' molto meglio essere giovani, belli, ricchi e in buona salute, piuttosto che essere vecchi, brutti, poveri e malati". Aveva 77 anni.

"Siamo tutti mobilitati, noi appassionati vecchi musicisti del jazz. La perdita di Massimo è importante. Rimarrà nel nostro lessico, resta il re della banalità. Ormai è diventato un must dire 'è una catalanata' - ha spiegato addolorato l'amico Renzo Arbore - Era malato da tempo aveva perso la moglie nell'agosto dello scorso anno. Era rimasto solo". E ha aggiunto: "Io lo avevo conosciuto a Napoli, quando venne a fare una serata, entrambi venivamo dal jazz tradizionale e quando sono venuto a Roma abbiamo suonato insieme, abbiamo passato delle nottate meravigliose a casa mia. A Quelli della notte era spiritoso. Mi disse 'non vorrei solo suonare la tromba' e così gli domandai 'sai dire delle banalità?'. Cominciammo a scherzare e vennero fuori le sue frasi. La passione, l'ironia e il sorriso sono sempre state le caratteristiche di Massimo, che volutamente si era ritirato. La sua eclissi non era dovuta a un calo di popolarità. Preferiva vivere in campagna, con la moglie e gli amici".

"Massimo era la simpatia in persona anche fuori scena - ha ricordato Nino Frassica, altro protagonista indimenticabile di "Quelli della Notte" - All'epoca mi chiamò Minoli per condurre un programma su Rai2, 'Ritira il premio'. Volli Massimo con me. Con lui il divertimento era assicurato e continuo. Massimo era l'unico di noi che nel programma di Arbore aveva un doppio ruolo: si alzava dal divano e diceva le sue 'catalanate'. Poi andava a suonare la tromba nell'orchestra che si chiamava 'Senza vergogna'".
Maurisa Laurito non è riuscita a trattenere un mare di lacrime: "Massimo era uno di noi in un periodo davvero fortunato. Una persona cara che non c'è più, un testimone di tempi meravigliosi dello spettacolo. Quest'anno c'è stata un'ecatombe: è andata via Mariangela Melato e poi il giornalista Aldo De Luca, anche lui un caro amico di noi tutti".

Massimo Catalano aveva espresso la volontà di essere cremato, senza funerali.

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!