13/9/2019 | 2 MINUTI DI LETTURA

E' andato in onda il documentario sulla vita della stilista Elisabetta Franchi e non sono mancati momenti toccanti: 'Mio marito è morto quando mia figlia aveva un anno e mezzo'

  • La stilista Elisabetta Franchi ricorda Sabatino Cennamo, papà della sua Ginevra
  • 'E' stato lui ad aiutarmi a realizzare il mio sogno', racconta nel documentario sulla sua vita

Elisabetta Franchi ha deciso di raccontarsi nel documentario "Essere Elisabetta", andato in onda su Real Time giovedì 12 settembre. La celebre stilista, 50 anni, oltre a parlare della sua sfolgorante carriera nel mondo della moda, ha anche rivelato momenti delicati della sua vita privata. Uno fra tutti la prematura morte del marito Sabatino Cennamo, scomparso a causa di una grave malattia. Nel ricordare quei momenti Elisabetta non è riuscita a trattenere le lacrime.

Elisabetta Franchi si racconta nel documentario 'Essere Elisabetta'

Dal matrimonio con l'imprenditore, Elisabetta Franchi ha avuto una figlia, Ginevra che oggi ha 12 anni: "Quando Sabatino ha scoperto la malattia Ginevra aveva 6 mesi e quando è andato via aveva un anno e mezzo. Lei non lo ha mai conosciuto, non ha memoria di lui, ma ho scattato di quel periodo una marea di foto", ha raccontato la stilista. Elisabetta nel suo ufficio tiene una foto del marito scomparso: "E' stato lui ad aiutarmi a realizzare il mio sogno ed è giusto così", ha spiegato. 

La stilista racconta anche momenti molto difficili della sua vita

Dopo la morte di Sabatino Cennamo, Elisabetta Franchi ha ritrovato l'amore tra le braccia di Alan Scarpellini, il suo primo fidanzatino, di quando era adolescente. I due si sono ritrovati e amati da adulti. Alan ha saputo instaurare fin da subito un bellissimo rapporto con Ginevra, di cui ora è il papà. E sei anni fa è arrivato anche il piccolo Leone. 

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!

Commenti

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l'indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.

Inserendo un commento, l'utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il REGOLAMENTO COMMENTI.