26/4/2022 | 4 MINUTI DI LETTURA

Guido Maria Brera, marito di Caterina Balivo: 'Ecco cosa ci unisce’

  • Il trader e scrittore 52enne rigoroso nell’educazione dei figli: ‘Vieto i videogiochi e…’
  • ‘La finanza mi ha portato su, ma non sono ricco come si potrebbe credere’

Guido Maria Brera, il marito di Caterina Balivo, si racconta in una lunga intervista al Corriere della Sera. Trader e scrittore, il 52enne, mago della finanza, rivela cosa lo unisce alla conduttrice 42enne sposata il 30 agosto 2014 a Capri da cui ha avuto nel 2012 Guido Alberto e nel 2017 Cora (è anche padre di Costanza e Roberto nati da un precedente matrimonio). “Amo il suo saper essere leggera restando una persona di spessore”, confida.

Guido Maria Brera, marito di Caterina Balivo: 'Ecco cosa ci unisce'
Guido Maria Brera, marito di Caterina Balivo: 'Ecco cosa ci unisce'

“Mi aiuta usando due armi: sensibilità e capacità di sdrammatizzare”, sottolinea ancora Brera parlando della sua Caterina. Con i loro bimbi è molto rigoroso nell’educazione: “Ai figli ho vietato i videogiochi e imposto di studiare non oltre un’ora e mezza: dopo, fanno attività all’aperto. Devono imparare a studiare in poco tempo perché la vita chiederà di saper fare tutto in fretta”.

“Diavoli”, il suo best seller diventato serie tv e ora alla seconda stagione è un successo mondiale. Guido Maria ammette che scrivere gli è sempre piaciuto, come pure fare volontariato: “Ero un ragazzo con una doppia vita: di giorno, in giacca e cravatta; di sera, mettevo una tuta rossa e andava da Fratel Ettore ad assistere i senzatetto alla stazione di Milano. Quel frate era burbero ma meraviglioso: se esistono i santi, devono essere come lui. Una sera, mi fece inginocchiare e mi affidò alla Madonna. Disse: a lui pensaci te. Io non capii nulla, so che il giorno dopo, due colleghi che diventeranno i miei soci, Paolo Basilico e Roberto Condulmari, mi dissero: ci sarebbe una cosa nuova da fare, si chiamerà Kairos. Mi trasferii a Londra all’istante. Lo racconto per dire che, ai tempi, non mi faceva paura nulla, ero molto forte. Adesso, mi sento fragile”. E aggiunge: “Ora ho una fondazione, ma rivorrei l’equilibrio che avevo da giovane per fare volontariato sul campo”.

Il trader e scrittore 52enne e la conduttrice 42enne sono genitori di Guido Alberto, 9 anni, e Cora, 4

Brera parlando della sua vita, svela: “Io ero di Roma Sud. Di San Saba. Famiglia normalissima, papà che lavorava in banca, mamma casalinga. E c’era il mito dei Parioli, di Roma Nord, dove tutti erano più eleganti, parlavano un romano più bello, camminavano meglio. Alla fine, ho cercato il riscatto sociale nella finanza, che è un lavoro molto meritocratico”.

Non ha cercato la finanza e il suo mondo ossessivamente: “Tutt’altro. Volevo fare il ricercatore, amo scrivere, leggere, studiare, ma all’università non c’era posto e la finanza è una sorta di organismo vivente che seleziona i talenti, ti viene a cercare, ti trita, decide se tirarti su o giù. In Fineco, mi diedero da gestire un fondo che risultò il primo d’Italia, e così la finanza mi portò su”. Brera precisa: “Ho guadagnato bene, ma non sono ricco come si potrebbe credere. Da giovane, in effetti, gli stipendi della finanza sono alti: quando passai da Milano a Londra, aggiunsi uno zero. Però la nostra carriera è come quella del calciatore: breve e a parabola. Certo, all’inizio, mi tolsi qualche sfizio”.

 

 

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!