10/9/2019 | 2 MINUTI DI LETTURA

Morgan: 'Dopo lo sfratto sto molto male, non sono più lo stesso, vivo in uno sgabuzzino pieno di insetti a Milano'

  • Il cantante rilascia dichiarazioni shock in merito alla sua situazione attuale
  • Lo scorso giugno ha dovuto lasciare la sua abitazione che è stata messa all'asta

Morgan dopo lo sfratto dello scorso giugno racconta quali sono le sue attuali condizioni e rilascia delle dichiarazioni shock. Il 46enne racconta a "I Lunatici" su Radio 2 che la sua nuova casa è uno sgabuzzino pieno di insetti. 

Morgan racconta che dopo lo sfratto dello scorso giugno vive in uno sgabuzzino 

"C'è un giudice che è il paladino degli sfratti - ha esordito il cantante - Peggio del giudice della canzone di De Andrè, che diventa giudice solo per poter mandare al patibolo la gente. I giudici dovrebbero giudicare, lo dice la parola stessa. Prendi una questione, ne valuti gli aspetti, pesi e capisci cosa pesa di più. Non fai a priori tutto. Il giudice che ho incontrato io non è un giudice, è uno che non si sa perché è lì, è uno sbruffone (...) Ora manderà tutto la macero".

"Sto molto male, non sono più lo stesso - ha dichiarato Morgan - Uno non ci pensa, ma quello che mi è successo equivale a uno stupro. È identico. La casa è importante, è la più importante cosa che hai. Quando non sai ripararti dal freddo vai a casa e sopravvivi. Questo vale per tutti".

L'ex giudice di "X Factor" ha poi raccontato di vivere "in uno sgabuzzino a China Town a Milano con un sacco di insetti". "La mia casa è stata svenduta a 200.000 euro quando ha come valore di mercato 700.000 euro. È stata comprata da un maniaco che ha voluto la mia casa perché è un mitomane - ha affermato - Mi hanno portato fuori dalla mia casa con le armi. Io piango, ho tutto lì, tutti i miei progetti. Io stavo sempre in casa a studiare, non sono uno come J Ax o Fedez".




 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!

Commenti

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l'indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.

Inserendo un commento, l'utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il REGOLAMENTO COMMENTI.