08/09/2004 | 5 MINUTI DI LETTURA

Napoli, una città per cantare

Pubblico caldissimo, atmosfera emozionante, un mare che, circondando il Castel dell'Ovo, di fronte alla rotonda Diaz, brilla sotto i raggi di una luna complice.
Con queste premesse e con un'organizzazione come quella di Video Italia e Radio Italia, un qualsiasi concerto non può che trasformarsi in un successo. E se ad esibirsi sul palco sono alcuni tra i più popolari cantanti del momento, insieme ad autentici miti della musica napoletana, il successo rischia di trasformarsi in evento senza pari. Così, sotto il baffo malandrino di Roberto da Crema, esplodono i sorrisi, le curiosità, le confidenze.

Edoardo Bennato ci racconta dei suoi ultimi concerti con i suoi archi e sul palco infiamma il pubblico napoletano con il suo rock.
A tenere alti i colori della città partenopea, con lui, anche Tony Esposito e la sua famosa Kalimba de Luna, le frenetiche e magiche percussioni di Tullio De Piscopo, la neo-melodia di Luciano Caldore. E Napoli, si sa, non tradisce.
Tradisce invece Luca Barbarossa, che con l'eterna faccia da bravo ragazzo e qualche vecchio successo, trascina il pubblico sulle note di 'Reginella'. E piu' che altro, ci crolla un mito di dolcezza e di poesia, quando scappa a cenare, liquidando in maniera poco gentile stampa e fans. Insomma, dalla richiesta alla mamma di portarlo a ballare, si è passati alla richiesta al manager di portarlo a mangiare. I tempi cambiano.
Dolcissimo, invece, un vero idolo delle ultime generazioni: con il suo cappellino appena sopra gli occhi, in discreto relax e con molta disponibilità, Paolo Meneguzzi sorride e parla i se' con sincerità e garbo. E ci confida che forse, in una prossima raccolta, includerà anche uno dei suoi primi pezzi, poco noto rispetto agli ultimi successi discografici, che a noi piace molto.
Divertente e divertito anche Alessio Ventura dei DB Boulevard. Con lui si ride e si scherza per un bel po' di tempo, e si scopre pronto a partire un nuovo impegno da solista e un nuovo tentativo di partecipazione a Sanremo. Il nostro in bocca al lupo ad un ragazzo dagli occhi trasparenti, grande carisma e un bel sorriso.
Ma non solo grandi nuovi eroi, sul palco di Video Italia. Tornano on stage per l'occasione anche gli O.R.O., che dopo un periodo di pausa affrontano di nuovo le scatenate folle e, dichiarando che trascorrono il proprio tempo libero facendo musica, ci lasciano ben sperare. D'altronde, quando come prima supporter del gruppo c'e' quella Antonella Bucci che ha entusiasmato le platee di mezzo mondo con Eros Ramazzotti ed 'Amarti è l'immenso', non possiamo che dar fiducia ai due protagonisti del gruppo.
In tarda serata arrivano altri eroi dell'ultimo Festival di Sanremo. Ma se Neffa trascorre il momento immediatamente precedente alla sua esibizione suonando la chitarra e rilassandosi, Mario Venuti e Danny Losito, in compagnia di una manager che non voleva interviste, erano costretti ad aspettare in silenzio nel salottino allestito per gli artisti.'Crudele' destino!
E, terminata l'esperienza del reality Music Farm, sul palco torna anche Annalisa Minetti. Bella, brava... cosa aggiungere? La sua dolcezza conquista e la sua voce emoziona. Bene così.

Bene in generale tutta la serata. Una serata che, fino all'ultimo istante minacciata dalla pioggia, e ospitando anche le più alte cariche del capoluogo partenopeo, a partire dal sindaco Rosa Russo Jervolino, non ha deluso le aspettative della gente, magnifica gente di questa città.

Foto: C.Mangiarotti © Gossip.it
Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!