13/3/2020 | 4 MINUTI DI LETTURA

Pago e Serena Enardu, convivenza rimandata a causa dell’emergenza Coronavirus: 'Con questo clima le cose non sono semplici…’

  • Il cantante e l’ex tronista stanno cercando casa a Milano
  • Dopo il GF Vip la loro storia d’amore ha ripreso quota e ora vogliono un futuro insieme

Pago e Serena Enardu devono bloccare i progetti di vita a due: la convivenza è rimandata a causa dell’emergenza sanitaria per il Coronavirus. Ora tutto è fermo, ma appena sarà possibile il cantante 48enne e l’ex tronista di Uomini e Donne 45enne riprenderanno a cercare casa. La coppia vuole trasferirsi a Milano, come svela l’artista a Uomini e Donne Magazine.

Pago e Serena Enardu: convivenza rimandata a causa dell'emergenza Coronavirus
Pago e Serena Enardu: convivenza rimandata a causa dell'emergenza Coronavirus

La convivenza è solo rimandata: il momento difficile che sta vivendo l’Italia impone a tutti un doveroso stop. E’ opportuno rimanere nelle proprie abitazioni e così fermare il contagio da Covid-19. Pago spiega: “E’ difficile tornare a Cagliari”. Lui e Serena Enardu desiderano stare a Milano. “Stiamo già cercando casa, anche se con questo clima le cose non sono semplici”, rivela ancora.

Finora non è ancora riuscito a portare via le sue cose dall’appartamento di Pavia, dove si era trasferito dopo l’addio con la mora, prima del ritorno di fiamma al GF Vip. Pacifico Settembre si augura il meglio, anche per il rapporto perché in passato “questo rimandare è stata una delle cause del nostro allontanamento”.

Pago finora ha frenato sulle nozze con Serena, ma se dovesse farle una proposta di matrimonio in futuro sceglierebbe “qualcosa di non troppo progettato, ma sorprendente”. E aggiunge: “Ci sarebbe un luogo importante per la nostra storia che potrebbe fare da cornice: un posto sul Lago Maggiore legato ai nostri primi mesi insieme”.

Come sapete, le nuove regole stabilite dal governo italiano sono stringenti ma assolutamente necessarie. Noi tutti, ma proprio tutti, in qualsiasi regione d’Italia ci troviamo, siamo chiamati a seguirle anche per evitare di incorrere in dure sanzioni (incluso il carcere). E’ quindi assolutamente necessario rimanere in casa. Le uniche eccezioni sono dettate da esigenze di salute (visite mediche non rimandabili, incidenti). E’ poi possibile uscire sporadicamente (meglio se lo fa un solo membro della famiglia una volta a settimana) per andare a fare la spesa nei supermercati, che ricordiamo rimarranno sempre aperti. Non ci sarà mai carenza di cibo (le industrie che producono alimentari stanno lavorando normalmente) quindi è inutile farsi prendere dal panico e comprare più del necessario (sebbene fare una spesa che duri almeno una settimana è più che consigliato per limitare le volte in cui sarà necessario uscire nuovamente per rifornirsi).

Le regole che dobbiamo tutti assolutamente seguire per arginare il contagio del Coronavirus in tutta Italia

E’ anche importantissimo che durante gli spostamenti necessari si prendano precauzioni straordinarie, come quelle di rimanere almeno a due metri di distanza da chiunque altro si incontri, di non dare la mano, non baciarsi e non abbracciarsi. Bisogna poi lavarsi spesso le mani e non toccarsi mai alcuna parte del viso con esse. Se si dovessero avere anche lievi sintomi simil-influenzali (come la tosse) non bisogna uscire di casa né recarsi al pronto soccorso o dal proprio medico, ma chiamare i numeri messi a disposizione da tutte le regioni (qui l’elenco completo).

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!