9/12/2021 | 3 MINUTI DI LETTURA

Paola Perego rivela: 'Ho ricordi offuscati a causa delle medicine’

  • La conduttrice racconta la sua lotta contro gli attacchi di panico
  • Ha spiegato che le benzodiazepine le hanno alterato lo stato mentale per molto tempo

Paola Perego ha rivelato al Corriere della Sera di aver preso per anni medicine molto pesanti per cercare di contrastare gli attacchi di panico. Questo ha fatto sì che oggi ha ricordi offuscati di un lungo periodo della sua vita. Quei farmaci erano infatti molto pesanti, diversi da quelli che si danno oggi per questo disturbo. “Per anni la gente ha visto una persona in apparenza vivace, ironica. Ma io ero in una bolla. Prendevo delle medicine e non parlo di quelle che si prescrivono oggi, che sono molto più leggere. Parlo di medicine che, pur di allontanare la sensazione di panico, appianavano tutto. Piallavano ogni cosa, comprese le emozioni. Per esempio, non riuscivo più nemmeno a piangere. Molti dei miei ricordi sono offuscati, come dentro una nuvola. Compreso il mio matrimonio con Andrea (Carnevale, ndr). I critici dicevano che ero troppo fredda e distaccata, ma oggi posso dirlo: prendevo benzodiazepine, ha raccontato al quotidiano.

Paola Perego, 55 anni, ha rivelato che le medicine prese in passato le hanno offuscato i ricordi di un lungo periodo della sua vita
Paola Perego, 55 anni, ha rivelato che le medicine prese in passato le hanno offuscato i ricordi di un lungo periodo della sua vita

“I sintomi, dalla sudorazione fredda alla lingua gonfia fino al formicolio del corpo sono solo una parte dell’attacco di panico. La cosa più difficile da spiegare è la sensazione di essere a un passo dalla morte. Avevo sedici anni quando la provai per la prima volta e prima che iniziassi il percorso di guarigione, con l’analisi, l’ho sperimentata tante volte”, ha aggiunto la 55enne originaria di Monza.

La conduttrice ne è uscita grazie alla psicoanalisi
La conduttrice ne è uscita grazie alla psicoanalisi

Paola, che dal 2011 è sposata con il manager Lucio Presta, ha poi spiegato di esserne uscita con l’analisi: “Oltre dieci anni. Ho imparato tanto. Prima di tutto che la fragilità non è una colpa né qualcosa da nascondere. E io ho sbagliato, perché l’ho nascosta per tanto tempo ai miei figli. Avrei dovuto mostrarmi per quella che sono, ma erano altri tempi: se andavi dal medico e gli elencavi i sintomi, quasi certamente lui diceva che avevi un esaurimento nervoso. E così nascondevo, camuffavo, sedavo. Nascondevo le medicine in camerino, nessuno doveva sapere che da un momento all’altro sarei potuta crollare”.

Per lungo tempo la Perego non riusciva neppure a stare da sola. “Adesso riesco a stare da sola, mentre in passato mi capitava di pagare le vacanze a persone nemmeno tanto amiche ma che volevo accanto solo perché l’idea di stare da sola mi terrorizzava. Adesso mi godo la mia casa, mio nipote, la mia famiglia. Lo dico: sto vivendo una seconda giovinezza”, ha concluso.

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!