27/5/2021 | 2 MINUTI DI LETTURA

Roberto Bolle ricorda Carla Fracci: 'Senza di lei non sarei qui’

  • Il ballerino parla della scomparsa dell’etoile con Il Corriere della Sera
  • Racconta anche della paura durante la loro prima collaborazione

La morte di Carla Fracci, che si è spenta a 84 anni nella mattinata di giovedì 27 maggio a Milano, dopo una lunga lotta contro un tumore, ha colpito molti. Chi sta affrontando un grande dolore è sicuramente Roberto Bolle, forse il nome più famoso della danza italiana proprio dopo quello della Fracci. Il ballerino 46enne ha parlato del lutto con ‘Il Corriere della Sera’. “Non avrei mai fatto quello che ho fatto nella mia carriera se Carla Fracci non avesse aperto le strade prima di me. Io più di altri le sono grato. La sua perdita è un grande dolore, ha spiegato.

Roberto Bolle, 46 anni, insieme a Carla Fracci, venuta a mancare a 84 anni a Milano
Roberto Bolle, 46 anni, insieme a Carla Fracci, venuta a mancare a 84 anni a Milano

“Era un riferimento per me, da sempre. Anche io sono cresciuto conoscendo Carla Fracci e considerandola, già da bambino, una delle più grandi interpreti e ballerine. Ha rappresentato la danza italiana nel mondo: nessun altro nome era conosciuto e riconosciuto come il suo”, ha continuato Roberto.

La prima collaborazione con la Fracci fu per Bolle, in Giappone, un momento di grande tensione e anche paura. “Io terrorizzato, più ancora che per il mio debutto nel ruolo, per il fatto di dover ballare con l’icona della danza come lei. Avevo un timore reverenziale unito all’agitazione all’idea di sbagliare qualcosa: non tanto i miei passi, ma piuttosto non tenerla bene, non sostenerla abbastanza...”, ha raccontato.

“Mancherà tanto a me e alla danza italiana”, ha quindi concluso.

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!