20/11/2020 | 2 MINUTI DI LETTURA

Rocco Siffredi commenta la condanna di Andrea Iannone e dice: 'Belen ti manda al manicomio’

  • L’attore a luci rosse pensa che la showgirl sia ‘costosa e difficile da gestire’
  • Per lui il pilota si è ‘rovinato’ innamorandosi dell’argentina

Rocco Siffredi pensa che Belen possa mandare un uomo “al manicomio” e che forse Andrea Iannone non abbia saputo gestire bene la relazione con la showgirl.

Rocco Siffredi, 56 anni, ha parlato di Andrea Iannone e Belen Rodriguez
Rocco Siffredi, 56 anni, ha parlato di Andrea Iannone e Belen Rodriguez

L’attore a luci rosse, il più famoso d’Italia, ha commentato la recente condanna del tribunale di Losanna nei confronti del pilota di MotoGP (per 4 anni è stato escluso dalle gare) e ha detto durante un’intervista rilasciata a Moreno Pisto in occasione del “MotoFestival”: “Lui si è proprio rovinato, io la penso come disse un uomo molto importante nel Paddock: ‘Ragazzi, in Italia tutti si vorrebbero chi**are Belen, ma nessuno ci si vuole innamorare, l’unico che ci è cascato è stato lui’. lo dico con tutta la simpatia, non voglio essere cattivo, però voglio dire… per portare Belen non va bene la patente che hanno 'sti ragazzi!”.

Belen Rodriguez, 36 anni, secondo Rocco può mandare un uomo 'al manicomio'
Belen Rodriguez, 36 anni, secondo Rocco può mandare un uomo 'al manicomio'

Secondo Rocco la 36enne argentina è molto difficile da gestire come donna e non tutti gli uomini hanno le capacità di affrontare un rapporto complesso. “Ci vuole una patente molto più importante, perché quella costa, è difficile da gestire… ti manda al manicomio! Ecco, purtroppo questo ragazzo ha avuto la sfiga di essere invidiato dall’Italia intera per Belen. Però alla fine gestirla è dura. Molto dura, con tutto il bene che le voglio”, ha concluso.

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!

Commenti

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l'indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.

Inserendo un commento, l'utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il REGOLAMENTO COMMENTI.