6/9/2019 | 4 MINUTI DI LETTURA

Wanda Nara sul trasferimento del marito Mauro Icardi a Parigi al PSG: 'Sarà difficile, Mauro fa tanto. Siamo una famiglia’

  • ‘Io la cattiva della storia? Sono quella che l’ha risolta. Era difficile uscire da questa situazione’
  • ‘Sono una figura che non esiste: moglie e agente. Sentire parlare di calcio una donna è strano’

Wanda Nara racconta al Corriere della Sera la sua verità sul ‘caso’ Mauro Icardi, che si è risolto nell’ultimo giorno di calciomercato con il prestito del calciatore al Psg. Per un anno il marito della bionda non giocherà più all’Inter, che non lo voleva più, ma a Parigi, poi si vedrà. La 32enne, moglie e manager del bomber 26enne, rimarrà in Italia con i figli e farà la spola con la Francia. Lei continuerà a essere la ‘regina’ di “Tiki Taka”. “Sarà difficile senza Mauro - sottolinea - Lui fa tanto…”.

Wanda Nara su Mauro Icardi a Parigi al Psg: 'Sarà difficile, Mauro fa tanto…'

“Non è un divorzio. Mauro e l’Inter sono come fidanzati che si prendono una pausa di riflessione”, spiega Wanda Nara. E aggiunge: “Hanno detto che facevo del male a mio marito, il padre dei miei figli. Le persone ragionano quando parlano? Come posso non volere il bene di Mauro? Il suo bene è il mio”.

Wanda Nara è stata attaccata dai giornali per le tensioni che si sono create nell’Inter: è stata ritenuta la principale responsabile di tutto, anche della causa che Icardi ha intentato contro la società nerazzurra. Quando le si domanda se si sia sentita discriminata perché donna in un mondo in cui gli uomini la fanno da padroni, replica: “No, discriminata no. Però sono una figura che non esiste: moglie e agente. Sentire parlare di calcio una donna è strano. Ma le società mi hanno sempre trattato con rispetto e parità. A me non piace parlare di sessismo o razzismo: il problema ce l’ha chi fa certe accuse”.

La 32enne rimarrà in Italia con i figli e farà la spola con la Francia

La situazione non ha minimamente influito sulla relazione con il marito: “Mauro non è abituato alla sofferenza, ma sa convivere con la difficoltà. Non bada alle voci. Poteva sopportare di restare all’Inter anche in una condizione difficile, ha una corazza e per la mia famiglia sarebbe stato più facile averlo in Italia: ma no, tra noi le cose vanno benissimo”.

Ora, però, con Mauro Icardi a Parigi al Psg le cose cambieranno. In merito Wanda Nara dice: “Siamo una famiglia all’antica con tanti bambini e ci piace essere presenti. Stavo firmando il contratto di Mauro a Parigi e intanto chiamavo casa per aiutare a fare gli zaini per la scuola il giorno dopo. Sarà difficile, Mauro fa tanto”.

Wanda, se le si chiede se sia la buona o la cattiva della storia che in molti hanno dipinto, risponde: “Sono quella che l’ha risolta. Era difficile uscire da questa situazione e farlo trovando una squadra di quel livello. La scelta di Parigi rende orgogliosa me, lui e la famiglia. Da procuratrice sono riuscita a fare il meglio, senza tradire né la maggioranza dei tifosi che lo amano né l’Inter”.

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!