29/3/2021 | 2 MINUTI DI LETTURA

Aurora Ramazzotti sbotta: 'Io vittima di Cat Calling'. Ecco cos'è

  • La 23enne fuori di sé: ‘Vi rendete conto? Nel 2021 succede ancora e di frequente’
  • ‘A me fa schifo e se sei una persona che lo fa, sappi che fai schifo’

Aurora Ramazzotti sbotta sul social, nelle sue IG Stories. Sta finendo di fare la sua corsetta quotidiana di allenamento, ma qualcosa la fa arrabbiare moltissimo. “Io vittima di Cat Calling, sottolinea. E spiega anche cos’è.

Aurora Ramazzotti: 'Io vittima di Cat Calling'. Ecco cos'è
Aurora Ramazzotti: 'Io vittima di Cat Calling'. Ecco cos'è

“Voglio dirvi una cosa seria. Ci rendiamo conto che nel 2021 succede ancora il fenomeno del Cat Calling? E pure di frequente”, esclama Aury. E aggiunge: “Se non sapete cos’è vi lascio la definizione qui”.

“Il Cat Calling è un fenomeno che ha come oggetto complimenti di cattivo gusto rivolti per strada a donne giovani. Il fenomeno è in crescita e condiziona molte ragazze che non si sentono più libere di camminare per strada e indossare ciò che vogliono”, si legge nello screen postato dalla 23enne.

La 23enne fuori di sé: 'Vi rendete conto? Nel 2021 succede ancora e di frequente'

“Sono l’unica che ne è vittima costantemente, nonostante io sia una che si veste un po’ da maschiaccio? Appena mi metto una gonna o come in questo caso mi tolgo la giacca sportiva mentre sto correndo perché fa un cacch*o di caldo, devo sentire i fischi, i commenti sessisti. Mi fa schifo!”, chiarisce senza peli sulla lingua la Ramazzotti.

La figlia della Hunziker chiarisce: 'A me fa schifo e se sei una persona che lo fa, sappi che fai schifo'

E’ fuori di sé. Aurora Ramazzotti ribadisce la sua posizione senza alcun problema: “Mi fa schifo e se sei una persona che lo fa e stati vedendo questa storia perché ti arriva in qualche modo, sappi che fai schifo. Penso di parlare per tutti”.

 

 

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!

Commenti

Per commentare è necessario registrarsi, una volta sola, alla piattaforma Disqus tramite e-mail o profilo social (Facebook, Twitter o Google). Se non è confermato l'indirizzo mail, il commento resterà in attesa di approvazione.

Inserendo un commento, l'utente dichiara di aver letto, compreso e accettato il REGOLAMENTO COMMENTI.