12/06/2006 | 4 MINUTI DI LETTURA

A Napoli il cinema fa festa

"E' stata un'edizione molto intensa, con otto giorni densi di cinema e ospiti di altissimo profilo, Abbiamo voluto affiancare ai concorsi e alle retrospettive l'opportunità per il pubblico napoletano di incontrare i grandi protagonisti del cinema italiano ed europeo come Sergio Castellitto, Cristina Comencini, Alex de La Iglesia, Marco Bellocchio e Paolo Virzì. Il successo di questa edizione è uno stimolo a lavorare subito a nuovi progetti, primo tra tutti in ordine di tempo la terza edizione di 41esimo parallelo a New York dal 26 ottobre al 3 novembre, in collaborazione con la New York University. Diamo appuntamento al giugno 2007 per la IX edizione del NapoliFilmFestival. Con queste parole hanno salutato la chiusura delll’VIII edizione della manifestazione i direttori Davide Azzolini e Mario Violini. Ieri sera cerimonia conclusiva a l'Istituto Francese Grenoble di via Crispi. Tantissimi i premiati.

La giuria composta dal regista cinese Lizenhua, dalla giornalista spagnola Maria Casanova, dal produttore francese Victorien Vaney e dallo scrittore italiano Diego De Silva ha assegnato il Vesuvio Award per il miglior film a "Tuning" di Igor Sterk. Il Premio Fondazione Mediterraneo è andato a “Ryna” di Ruxandra Zenidre; il Premio Warner Village Cinemas a Nadja Uhl nel film “Sommer vorn Balkon”; il Premio Music Feel a “Semen, una historia de amor” di Daniela Fejerman e Inés Paris.

Nel Concorso Making Of la giuria di giornalisti cinematografici composta da Alessandra De Luca (Ciak), Cristiana Paternò (Cinecittà News) e John Vignola (Mucchio Selvaggio) ha assegnato il Vesuvio Award a “Il toscano Napoleone” di Alessandra Riveda (backstage di “N, ucciderò il tiranno” di Paolo Virzì). Menzione speciale a “Dietro... Trevirgolaottantasette” di Simone Sabatucci e Francesco Palladino (backstage di “Trevirgolaottantasette” di Valerio Mastandrea).
Premiati anche corti eccellenti e documentari.

Bella e suggestiva la retrospettiva dedicata a Sergio Castellitto, che ha confessato: "Napoli? Basta la parola, Napoli è la meraviglia nei disagi, nell’angoscia, nella luce. Vi confesso che quando vengo qui, all’uscita della Galleria della Vittoria, mi commuovo sempre un po’". L’attore, dopo Cannes e Napoli, sarà a Venezia, dove verrà presentato il film di Gianni Amelio “La stella che non c’è”, girato in Cina con un’attrice non professionista Thai-Lin.

Un pensiero speciale anche per il mondo del pallone. "Calcio e cinema difficilmente sono andati d'accordo. Ma la nostra scommessa era quella di mostrare la verità del gioco, di un grande campione mentre vive 90' di partita". Victorien Vaney, produttore di “Zidane, un ritratto del 21esimo secolo”, a Napoli come giurato, a buttato uno sguardo al suo documentario, di buon auspicio per i Mondiali 2006 in corso. L’appuntamento è al prossimo anno.

SPECIALE NAPOLIFILMFESTIVAL2006

Foto: Ufficio Stampa
Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!