26/11/2019 | 5 MINUTI DI LETTURA

Eva Henger furiosa con la figlia Mercedesz: 'Ha mancato di rispetto al padre defunto per interessi personali, non ho parole’

  • ‘E’ caduta proprio in basso. Prima della trasmissione le avevo inviato un messaggio…’
  • ‘Mi dissocio completamente da quello che è successo ieri, l’ho trovato di cattivo gusto’

Eva Henger è furiosa con la figlia Mercedesz e scioccata per quanto svelato dalla 28enne ieri a Live - Non è la D’Urso sul suo vero padre biologico: in questo modo ha mancato di rispetto a chi le è stato sempre accanto, al padre defunto, Riccardo Schicchi, l’uomo che l’ha cresciuta con tanto amore.

Eva Henger scioccata: 'Mercedesz ha mancato di rispetto al padre defunto'

Si dissocia dalla figlia Mercedesz, per lei è davvero caduta in basso. Eva Henger in una serie di IG Stories, condivise, stamani, è durissima. “Prima di tutto io mi dissocio completamente da quello che è successo ieri, l’ho trovato di cattivo gusto. Riccardo è stata una persona meravigliosa, un padre esemplare, un padre che ha dato la sua vita ai suoi figli, generoso nei sentimenti, non ha mai alzato le mani, la voce, e non ha mai preteso niente in cambio. Riccardo ha sempre avuto un’unica richiesta nella sua vita, che di questa cosa non si parlasse pubblicamente”, sottolinea la 47enne.

VIDEO

“Questa cosa era risaputa da tutti, non da quattro persone come è stato detto ieri sera.La cosa era risaputa, tutti sapevano, i collaboratori, gli amici di Riccardo, i miei però lui ha avuto questa richiesta perché lui era orgoglioso di dire di essere il padre di Mercedesz e non voleva essere derubato di questo ruolo”, precisa.

Eva è un fiume in piena: Mercedesz dalla nascita porta il cognome del padre biologico e naturalmente quando è apparso questo bebè tutta la famiglia di Riccardo e tutta la mia famiglia sapevano la verità, ma Riccardo non voleva che venisse detto pubblicamente, lui era felice di essere il padre di Mercedesz e non avrebbe mai voluto esser derubato di questo ruolo, cosa che è stata fatta ieri perché adesso Riccardo pubblicamente non sarà mai più il padre di Mercedesz. Lui ieri sera è morto una seconda volta”.

Per la 47enne la figlia ieri con le sue rivelazioni in tv è caduta proprio in basso

Schicchi aveva chiesto a Eva e alla figlia di non rivelare mai questa cosa pubblicamente: “Quando Mercedesz ha iniziato ad andare a scuola abbiamo dovuto giustificare il suo cognome, tutti lo sapevano. Questo solo per spiegare che la favola delle quattro persone non è vera, ma c’era questo patto con Riccardo. Detto questo lo sapeva anche Mediaset, Mercedesz firma contratti con il suo vero cognome, lo sapevano tutti e hanno rispettato tutti questa volontà di Riccardo”.

Eva attacca Mercedesz: “Io ho insegnato sempre una cosa a mia figlia, se tu non vuoi parlare di una cosa non ne parlare. Se ti ha chiamato un fantomatico giornalista e ti ha chiesto di questa cosa bastava dire ‘Come ti permetti, io di questa cosa non ne parlo’ e non avrebbero potuto scrivere niente. Nessuno ti ha messo una pistola alla tempia per costringerti a parlarne. Io credo che quello che è successo ieri sera si poteva evitare. Riccardo questa cosa non se la meritava, è stato strumentalizzato per uno scopo personale, non ho parole davvero”.

E’ arrabbiata e delusa, così dice la bionda: Mercedesz non avrebbe dovuto prestarsi a questo gioco, avrebbe dovuto avere rispetto almeno verso le persone che l’hanno amata incondizionatamente. Questa cosa deve finire qui, non ne voglio più parlare. Mercedesz questa volta sei caduta proprio in basso, mi dispiace".

Schicchi le aveva chieasto di non parlare mai della cosa pubblicamente: per Eva è come se fosse morto una seconda volta

E aggiunge: "Prima della trasmissione le avevo inviato un messaggio avvisandola che questa cosa sarebbe stata un ‘boomerang’ ma, ovviamente, non sono stata ascoltata né mi è stata data risposta. Siamo tutti sotto choc, nessuno avrebbe mai permesso di andare contro la volontà di Riccardo, siamo davvero dispiaciuti”.

Le news, le foto e i video di Gossip.it GRATIS sul tuo smartphone Android o sul tuo iPhone/iPad: scarica ora l'app!